Sono il visitatore numero:

domenica 30 gennaio 2011

The butterfly effect.


Sei stata quella che più desideravo, quella con cui ho imparato tante cose. A questa distanza tutto è alimentato: sei stata la mia guerra, i miei sorrisi e la mia rabbia. Poi sei tornata con un fascino nuovo, che ti colma, e poi te ne sei andata con la stessa semplicità, ma stavolta non ha lasciato davvero niente, ti sei portata via tutto.


Domenica 30 Gennaio 2011

In questa flemmatica domenica di fine gennaio, ci si può svegliare con un raggio di sole che ti viene a bussare alla finestra. La notte è stata lunga, ma il riposo non ci sazia mai.
Il profumo che si respira di fuori è intenso, dà quasi fastidio: la salsedine che ti entra nelle narici sembra quasi che ti ci si incastri dentro.
Dovrei essere triste, dovrei essere affranto ed abbattuto. Ma non lo sono, per niente. Mi sono spremuto di tutto l'amore come lo si fa con un'arancia, di cui ora ne rimane solo la buccia. Non mi sono mai pentito di aprirmi così tanto con lei fino a venerdì mattina, poi ho invece capito di aver fatto solo e solamente un'enorme stupidata. Non si gioca con i sentimenti. Sono diventato apatico, e questo mi renderà più forte. Ma davvero questa volta non torno indietro. Non me lo posso promettere, nella vita non esiste una sola cosa che sia certa; ci proverò, ma seriamente questa volta.

Il ghiaccio fuori copre tutto. Come celofan che avvolge gli oggetti e li rende brillanti, di una freddezza quasi austera. Non dicono niente, e nel loro gelo sembrano dei soprammobili sparsi qua e là senza seguire una regola. Ovunque non si segue una logica, è tutto un disegno incredibilmente astratto. Noi con il cuore però, che teoricamente dovremmo essere con il nostro spirito quelli “ribelli”, siamo gli unici che invece provano a seguire un percorso fatto di tappe logiche che un tempo avevamo provato a stabilirci.

Ciò che è strano, è che ogni passo, ogni movimento ed ogni minima attitudine che compiamo anche senza pensarci, andrà a scrivere il nostro futuro. The butterfly effect, l'effetto farfalla. È tutto un tassello che mettiamo in una posizione tale da cui tutti gli altri dovranno dipendere. Provate solo ad immaginare di cambiarne uno del passato: la nostra vita non sarebbe questa.

Matteo.